MUSEO DELLA PESCA
DEL LAGO TRASIMENO


Presentazione







Logo Museo della Pesca

INFORMAZIONI
ORARIO DI APERTURA

ottobre, novembre, dicembre e marzo

sabato e domenica
10.30 - 13
15 - 17.30

gennaio e febbraio
aperto su prenotazione

aprile, maggio, giugno e settembre
dal giovedì alla domenica
10.00 - 12.30
15.00 - 18.00
negli altri giorni apertura su prenotazione

luglio e agosto
dal martedì alla domenica
10.30 – 13.00
16.00 - 19.30
lunedì aperto su prenotazione

ottobre, novembre, dicembre e marzo

sabato e domenica
10.30 - 13.00
15.00 - 17.30
negli altri giorni apertura su prenotazione


Aperto Pasqua e Lunedì dell'Angelo. 25 aprile, 1 maggio (compresi i
giorni di ponte se presenti)


FESTA DEL GIACCHIO
Aperto dall’ultima settimana di luglio fino alla prima domenica di agosto (o in ogni caso durante il periodo di svolgimento)
Il Museo è aperto dalle
21.30 alle 23.30

PARCHEGGIO
A 50 m

DISABILI
Accesso consentito


IL MUSEO DELLA PESCA DEL LAGO TRASIMENO

Il Museo della Pesca del Lago Trasimeno è situato a San Feliciano, accanto al porto nord dei pescatori. Dal 19 luglio 1997 è stato riaperto al pubblico nella nuova e definitiva sede che un tempo ospitava il Consorzio Pesca ed Acquicoltura del Trasimeno.
Il ricchissimo patrimonio di conoscenze, riversate nel tempo in numerose pubblicazioni, mostre tematiche e allestimenti stabili, costituisce la base dell’attuale allestimento del Museo della Pesca del Lago Trasimeno. Qui è stato raccolto il meglio di oltre due decenni di indagini svolte da tanti studiosi (Progetto A.L.L.I. - Università di Perugia), studenti e ricercatori che, con il contributo determinante dei pescatori-cacciatori, hanno indagato la "cultura dell’acqua”, la "lingua, la storia e la vita delle comunità insediate lungo le rive del grande lago seguendo in particolare l’evolversi dell’attività produttiva che per molti secoli ha costituito la prima risorsa di queste popolazioni: la pesca. Per meglio comprendere i passaggi fondamentali dello sviluppo della pesca di professione si è voluto inquadrare questa attività produttiva, oltre che nell’ambito locale, anche all’interno di quei processi e avvenimenti di più ampia portata in cui è risultata coinvolta e spesso sconvolta.

Le 44 differenti tecniche di cattura vengono quindi poste in relazione sia con il contesto storico-sociale sia con quello ambientale. Vengono così chiarite le interrelazioni tra questi due contesti e tra la realtà locale e le realtà più vaste entro cui la prima è incastonata.
Oltre a questo approccio "olistico”, l’allestimento si caratterizza per il suo carattere multidisciplinare, per il tentativo di leggere questa realtà utilizzando metodi e contenuti complementari. Più scienze hanno collaborato a chiarire e portare in superficie la trama profonda che lega a doppio filo l’attività di pesca con la storia del Trasimeno. Grazie alla collaborazione di vari studiosi è stato possibile "osservare” il lago da punti di vista molteplici: geologico, archeologico, storico, geografico, antropologico, linguistico e ambientale.

Entrare al Museo della Pesca del Lago Trasimeno significa per il visitatore perdere la sua abituale cognizione di abitante della terra e immettersi nel mondo fluido dell’acqua. Può seguire passo dopo passo una storia affascinante e poco nota, piena di utili informazioni non solo per leggere in modo nuovo il passato più remoto e più recente della storia del Trasimeno, ma per comprendere la grandiosità e i messaggi che vengono da una tradizione, di regole, di consuetudini, di saperi e di saggezza che possono rappresentare uno stimolo e fornire suggerimenti per ripensare il futuro.






San Feliciano - Museo della Pesca

San Feliciano - Museo della Pesca (interni)

Web Agency: Graficherò